// post...

Mano sinistra

Cattivi, poveri e neri

Piove e la gente muore.
O scappa.
A un certo punto gli americani scoprono che ci sono i poveri e che sono cattivi e neri.
Allora gli sparano per non farsi rubare l’argenteria dalle case.
Gli sparano i riservisti con i fucili, le pistole e i bazooka.
I riservisti sono quelli che, quando li hanno fatto smettere, avevano ancora voglia di fare la guerra.
Le case degli americani ora sono vuote, perchè gli americani sono scappati.
O perchè sono morti.
Allora i cattivi, i poveri e i neri vogliono prendersi tutto quello che è degli americani.
Però è meglio che quello che è degli americani vada a stare dai parenti in Texas, lontano dai cattivi.
Così quando andrà via l’acqua torneranno gli americani.
Almeno quelli vivi.
E i cattivi, i poveri e i neri non avranno preso niente.

Non si deve guadagnare sulle disgrazie altrui.
Le disgrazie si devono compatire e poi tutto deve tornare com’era prima.
Dato che era così bello.
Con gli americani, i poveri, i neri e i cattivi.
Tanti, tanti cattivi.

Tags:

Commenti

Nessun commento per “Cattivi, poveri e neri”

Scrivi un commento

Ultimi commenti

  • st patricks day shirts calgary: pregancy is quite critical and also requires more of your time so...
  • menta: Ciao popolo del formaggio no. Io rispetto chi lo mangia ma anche chi non lo ritiene cibo...
  • Giulio: Ciao a tutti. Volevo chiedere una cosa un pò particolare, a me i formaggi stagionati non...

Poesie da decubito su Facebook