// post...

Mano sinistra

Lotta continua, continua, continua…

Come è noto, io ho la bandiera palestinese in camera. E questo perchè sono romantico. Per lo stesso motivo ho Che Guevara sopra il letto da 15 anni. Mi affeziono alle cause perse e a volte dimentico anche la causa originaria. Però avere qualche bel simbolo attorno mi fa sentire in famiglia.
I palestinesi poi li ho sempre sentti vicini, mi piaceva il fatto che la loro lotta era per la terra e non per questioni astratte, mi piaceva la loro laicità, mi piaceva la loro causa insomma.
Oggi apprendo che hanno cominciato ad utilizzare la tattica di al-qaeda: rapimenti, sgozzamenti, video… comunicazione insomma. Fino a ieri, o forse all’altro ieri, la lotta dei palestinesi si reggeva su simboli deboli e su ideali concreti, oggi Hamas ha bisogno di evocare qualcosa d’altro da sè per affermarsi: al qaeda, allah, i viedo impressionanti…

Io immagino, tra qualche decennio, quando la guerra sarà finita, i vecchi militanti di hamas che si ritroveranno in pizzeria a discutere delle portentose trasmissioni mandate ad al jazeera, dei porta a porta con sharon, dei martiri felici per le 70 vergini di allah (che poi se per sventura un musulmano è gay che ci va a fare in paradiso?). Saranno vecchi non più abituati alla pace, come gli ex-marines americani, come i nostalgici del vietnam e del fascio, saranno disadattati che dovranno, in qualche modo, continuare a combattere per qualche stupido idolo, perchè avranno dimenticato la causa per la quale combattevano.

Le rivoluzioni falliscono quando diventano il fine, e non il mezzo, delle battaglie.

Nessun tag associato a questo articolo

Commenti

3 commenti per “Lotta continua, continua, continua…”

  1. Domanda: non ti eri mai accorto prima, che i palestinesi, per fare ‘comunicazione’, sequestravano e ammazzavano atleti alle Olimpiadi, bambini nelle scuole, vecchietti paralitici sulle navi da crociera? che Hamas ha cominciato con gli attentati suicidi nel 1994?
    E t’indigni adesso?
    Beh, meglio tardi che mai…

    Scritto da Il Griso | Settembre 29, 2005, 00:13
  2. Attenzione, che la causa dei palestinesi sia una causa giusta non è per me una questione da discutere, così come non lo era la legittimità della resistenza all’occupazione. Ciò che mi fa tristezza è che ormai la causa mi sembra per certi versi svuotata della sostanza originaria e che ciò che doveva essere una lotta di liberazione diventi sempre di più una causa generica di opposizione. Oggi quel tipo di comunicazione non è più o meno sbagliata di quella di prima. E’ solo più triste e banale. Come la defilippi alla TV.

    Scritto da Azael | Settembre 29, 2005, 10:45
  3. Quindi, quel che a te dà fastidio è che si siano messi a ricopiare, senza spunti di originalità, il format di Al Qaeda.
    Ho capito bene?

    Scritto da Il Griso | Settembre 29, 2005, 17:39

Scrivi un commento

Ultimi commenti

  • st patricks day shirts calgary: pregancy is quite critical and also requires more of your time so...
  • menta: Ciao popolo del formaggio no. Io rispetto chi lo mangia ma anche chi non lo ritiene cibo...
  • Giulio: Ciao a tutti. Volevo chiedere una cosa un pò particolare, a me i formaggi stagionati non...

Poesie da decubito su Facebook