// post...

Mano sinistra

Sbagliare tutto nella vita

Votare per la Sinistra alle prossime elezioni è da stupidi perchè la Sinistra è fatta da gente che ha sbagliato tutto nella vita. Questo ha detto il nostro amato presidente del consiglio. Per contro, votare per la destra è cosa sommamente intelligente, dato che lì c’è gente che nella vita ha capito tutto. Per correttezza mi preme ricordare ciò che questi benefattori hanno dato alla comunità:
- Milano2
- canale5, rete4 e il meteo con le fighette scelte da Emilio Fede
- Fiorani
- i mafiosi dell’UDC in Sicilia
- i meravigliosi anni 80 e il rampantismo craxiano
- i film di Vanzina
- il figlio di La Russa che fa beneficienza in TV
- l’esodo dei democristiani nel centrosinistra
- le poesie di Bossi
- Calderoli, nel complesso della sua persona
- il sindaco di Treviso
- Galliani presidente della Lega
- l’onorabilità di Di Canio
- l’amicizia con Bush
- qualche argomento credibile persino a Rutelli
- la Porno-Tax
- le ville in Sardegna (con la speranza che un dio qualsiasi le faccia esplodere con tutto ciò che c’è dentro, in termini di materiale umano)
- le tre i
- il contratto con gli italiani
- il contratto con i servizi segreti americani (ma questo non è a progetto…)
- i servizi del TG1 sotto Natale con i militari che salutano la famiglia
- Pupo al posto di Enzo Biagi
- la verginità di Socci
- la Confindustria che fa l’occhiolino alla sinistra
- i sottoproletari che votano Fini perchè è una persona seria
- la nuova cultura della destra
- i neocon
- i neosenza (con buona pace di Peppiniello di Capua)
- la Bossi/Fini
- Miss Padania e relativo servzio in TV
- il saluto romano che equivale al pugno
- di conseguenza, Bella ciao che equivale a Faccetta nera
- di conseguenza, Mussolini che equivale a Pertini
- la voce di Tremonti
- la libertà di Andreotti perchè essere mafiosi è un reato che va in prescrizione dopo un po’
- Elisabetta Gardini in politica
- Clarissa Burt opinionista politica
- i libri di Natale di Vespa
- l’esperto di strategie militari che va in Tv ogni volta che c’è una guerra
- il salvadanaio della P2
- tutti quei figli di papà che hanno azzeccato tutto nella vita
- l’ideale che sia giusto non sbagliare nulla nella vita
- la speranza che ci sia davvero un dio che li attenda dopo la morte e la faccia che farà ascoltando tutti i i loro successi nella vita, a cominciare da quelli di Berlusconi

Nessun tag associato a questo articolo

Commenti

5 commenti per “Sbagliare tutto nella vita”

  1. Se mi è permesso, alla sfilza di azioni benemerite citate da azael (del quale, peraltro, non m’è sfuggita la sottigliezza circa la capitalizzazione delle parole “Sinistra” e “destra”), ne vorrei aggiungere solo alcune, al fine di rendere ancora più completa la sua opera.
    Direi quindi che, dall’(infausto) avvento del (centro)destra alla guida del nostro Paese, la comunità e la società nella quale viviamo può vantare:
    - l’insegnamento su come si fa, in Italia, a non essere processati e condannati per un reato, quando si ha il potere di depenalizzarlo, peraltro in via del tutto istituzionale;
    - l’insegnamento su come si possa riprendere in casa il nemico che ti aveva fatto buttare fuori dal condominio qualche anno prima, tanto contano solo i suoi millesimi/voti in sede di assemblea;
    - l’insegnamento su come - in onore alla parabola del figliol prodigo, e per tenerlo buono - a questo nemico si dia pure l’opportunit&agrave

    Scritto da ElioGabalo | Dicembre 15, 2005, 15:42
  2. di decidere in fatto di Giustizia;
    - le linee guida essenziali sulla finanza creativa, a cura del Tremonti, già “prestigiatore” in diverse occasioni, sempre sotto Berlusconi;
    - l’uso oculato ed opportuno del voto di fiducia;
    - l’invenzione del digitale terrestre;
    - l’abbattimento definitivo del conflitto di interessi;
    - le lacrime di Emilio Fede sotto minaccia di oscuramento sul satellite;
    - Maurizio Costanzo Show (sul digitale terrestre);
    - vogliamo dimenticare, già che ci siamo, la riscossa “albanese” di Maria De Filippi?
    - il tentativo, peraltro miseramente fallito, di fare un partito unico del centrodestra;
    - il tentativo, peraltro miseramente fallito, di far fare un partito unico al centrosinistra;
    - i condoni.
    Ubi major, minor cessat.

    Scritto da ElioGabalo | Dicembre 15, 2005, 16:00
  3. in effetti il digitale terrestre oscura da solo l’ignominia di tutti gli altri abomini.
    Saggio.

    Scritto da Azael | Dicembre 15, 2005, 16:01
  4. wow, mi hai convinto, voto Berlusca!!!
    : - )

    Scritto da dontyna | Dicembre 15, 2005, 17:09
  5. hai ragione su tutto …ma la violenza lasciamola agli altri:D

    Scritto da monia | Dicembre 16, 2005, 12:36

Scrivi un commento

Ultimi commenti

  • st patricks day shirts calgary: pregancy is quite critical and also requires more of your time so...
  • menta: Ciao popolo del formaggio no. Io rispetto chi lo mangia ma anche chi non lo ritiene cibo...
  • Giulio: Ciao a tutti. Volevo chiedere una cosa un pò particolare, a me i formaggi stagionati non...

Poesie da decubito su Facebook