// post...

For a better life

Motivi per cui vale la pena vivere: la sottile vendetta della censura…

Ricorderete l’esecrabile episodio di censura che mi ha visto coinvolto tempo fa.
Ebbene, da gran testardo ho inoltrato di nuovo la richiesta a Google per avere il programma AdSense sul mio blog e, con grande stupore, questa volta ho superato l’esame. Bel bello e fiero della rinnovata presentabilità ho provveduto subito a inserire i codici necessari nelle pagine, abbagliato da speranze di chissà quali faraonici guadagni.
Aspetto un giorno e vado a vedere quali annunci intelligenti siano stati pubblicati, quali nuove opportunità di conoscenza avrei potuto offrire ai miei 25 lettori. Immaginavo pubblicità di libri dotti, di associazioni no profit, links a emergency, al limite anche la segnalazione di una buona stampante…e cosa ti ci trovo invece?
Questo:

Ah, le implacabili sirene del capitalismo ! Ah, il tristo richiamo del guadagno facile! Ah, le contorte alchimie del fato!
Forse me lo sono meritato… scusatemi :(


Upgrade: la curiosità era troppa e  sono andato a vedere di cosa mi ero reso complice… è una cosa fichissima! Basta andare il primo e il terzo martedì del mese a pregare e la Vergine degli utlimi tempi (sì proprio lei!)  ci fa la grazia! Amici del fantacalcio siete spacciati!

Nessun tag associato a questo articolo

Commenti

2 commenti per “Motivi per cui vale la pena vivere: la sottile vendetta della censura…”

  1. Hai avuto il castigo che ti meriti : ))

    Scritto da Otimaster | Gennaio 7, 2006, 14:10
  2. Ahahaha! non sono l’unico reprobo allora!
    Però tu stai cedendo alla Vergine degli Ultimi Tempi, io ancora resisto ;)

    Scritto da Domenico | Gennaio 15, 2006, 17:34

Scrivi un commento

Ultimi commenti

  • st patricks day shirts calgary: pregancy is quite critical and also requires more of your time so...
  • menta: Ciao popolo del formaggio no. Io rispetto chi lo mangia ma anche chi non lo ritiene cibo...
  • Giulio: Ciao a tutti. Volevo chiedere una cosa un pò particolare, a me i formaggi stagionati non...

Poesie da decubito su Facebook