// post...

Cattive intenzioni

Con il mal di denti

Come un pluriomicida che, con ancora la puzza di cadavere addosso, si ferma per strada a litigare con un passante per la precedenza e si fa arrestare. Così il comintern di Rifondazione Comunista è riuscito alla svelta, e con grande arguzia, a rielaborare il lutto: come fosse quello degli altri.
Si sono riuniti per capire chi fosse stato l’ultimo a ricevere la scopa e potergli dare la colpa e si sono ritrovati a sostenere mozioni contrapposte in tributo a modelli di partito così tanto diversi da meritare un titolo. Sì, perché in un partito del 3% esistono anche le correnti: “L’Ernesto”, “Essere comunista”, “I Bertinottiani” e via dividendo. E con 16 correnti sono riusciti a dare la colpa al simbolo, all’arcobaleno, ai salotti, alla erre moscia, a Trefoloni, ma nessuno che abbia pensato di avere un minimo di responsabilità per la mancanza assoluta di idee, per la incapacità di capire il mondo e di sperimentare nuove soluzioni, per la saccenza con la quale si sono date per scontate teorie ereditate da gente che, a differenza loro, quelle teorie le aveva inventate.

Ma se, comunista col sonno tranquillo, dopo aver annientato la sinistra credi di poterti concedere il lusso di disquisire tra mozioni e distinguo, evidentemente consideri la politica un esercizio di stile, e te ne freghi sontuosamente di ogni obiettivo reale. La sinistra deve servire a cambiare il mondo. Punto. Se il mondo ti sta bene così com’è, non puoi essere di sinistra. E’ facile. E dire il mondo non significa immaginarsi il Rwanda o il Darfur, ché di quelle povere disperazioni esotiche in realtà non frega un tubo a nessuno. Il mondo è l’ufficio, il supermercato, la scuola di tuo figlio, la domenica mattina, la pettinatura della Iolanda, la Panda e il motorino. E se vuoi cambiare il mondo devi cambiare questo, la tua vita, i tuoi valori, i tuoi obiettivi. E non devi cambiare nell’intimo, nella tua anima, come dicono quelli a cui non hanno mai fatto male i denti, no, devi cambiare il fuori, tutto il tuo fuori. Se vuoi cambiare il mondo, perché sei di sinistra, non hai una vita privata in cui rifugiarti, perchè il mondo da cambiare è anche in essa. E invece questi poderosi comunisti mi danno l’idea di avere sempre un altrove fatto di ristorantini e figli maschi in cui andarsi a riposare, un rifugio in collina pieno di borghesissime gioie incomunicabili e lontane almeno un brunovespa dalla disperazione di un mondo che fa vomitare. Che non ti fa dormire, proprio come il mal di denti. Ed io una cosa che sia chiama “L’Ernesto”, il comintern non me ne voglia, non riesco a immaginarmela con il mal di denti.

Ti è piaciuto l'articolo? Vota Ok oppure No. Grazie Mille!


Tags: , ,

Commenti

13 commenti per “Con il mal di denti”

  1. devo dire che hai suscitato emozione.Bel post e contenuto crudo e tagliente.

    Scritto da mario | Aprile 21, 2008, 19:51
  2. Il post più bello che abbia letto negli ultimi giorni. Complimenti.
    Posso segnalarlo nel mio sito?
    Saludos
    Elexar

    Scritto da Elexar | Aprile 21, 2008, 20:45
  3. sempre impietoso, anche da extraparlamentare :D

    Scritto da ale | Aprile 21, 2008, 20:58
  4. @mario grazie
    @elaxar davvero esagerato/a, segnala pure;)
    @ale se da dentro un barlume di ragion di stato mi teneva attaccato alla buona creanza, da fuori piscio controvento anche a casa, vedessi che schifo

    Scritto da azael | Aprile 21, 2008, 21:01
  5. Questa smania di trovar qualcuno a cui metterla nel culo è tipica dello stivale: quello pessimo, aggiungo.
    Vince chi pratica meglio l’esercizio di stile, mi sembra; o forse perde chi non sa praticarlo bene, questo ancora non mi è chiaro.
    Mi pare, e concludo, che si stia pensando solo a praticarlo, questo esercizio, facendo di tutto per spostare l’asse verso questo centro moderato che trovo vuoto di qualsiasi contenuto, ideologia e orizzonte.
    Di valori di sinistra, di rottura, nemmeno a parlarne: evidentemente ce lo meritiamo.
    Grande azael, non sbagli un colpo!

    Scritto da Clockwise | Aprile 21, 2008, 22:11
  6. Io credo che rifondazione debba ancora riflettere molto ma molto più a fondo sul risultato elettorale e l’inizio non mi sembra incoraggiante…
    Ciao

    Scritto da Paolo Borrello | Aprile 22, 2008, 10:04
  7. condivido in pieno… bellissimo post

    Scritto da Ciocci | Aprile 22, 2008, 14:11
  8. E’ crudissimo, ma proprio per questo rende perfettamente. Ragionando solo su grandi ideali, ci si sta, tutti, allontanando dal mondo reale e spicciolo.

    Scritto da Fassbinder | Aprile 22, 2008, 15:32
  9. ti prego mandalo a giordano, ti prego ti prego ti prego

    Scritto da anacres | Aprile 22, 2008, 16:10
  10. @clock l’esercizio di stile è ormai esso stesso un esercizio di stile, è questa la cosa grave
    @paolo non solo rifondazione eh
    @ciocci non avevo dubbi
    @fassbinder è che nel mondo reale, chi parla di grandi ideali, generalmente se la cava benissimo
    @anacres giordano non è più nessuno, lo manderò con un aereo di carta sulla piazza di perugia, vediamo che succede :d

    Scritto da azael | Aprile 22, 2008, 17:28
  11. […] Come un pluriomicida che, con ancora la puzza di cadavere addosso, si ferma per strada a litigare con un passante per la precedenza e si fa arrestare. Così il comintern di Rifondazione Comunista è riuscito alla svelta, e con grande arguzia, a rielaborare il lutto: come fosse quello degli altri. Si sono riuniti per capire chi fosse stato l’ultimo a ricevere la scopa e potergli dare la colpa e si sono ritrovati a sostenere mozioni contrapposte in tributo a modelli di partito così tanto diversi da meritare un titolo. Sì, perché in un partito del 3% esistono anche le correnti: “L’Ernesto”, “Essere comunista”, “I Bertinottiani” e via dividendo. E con 16 correnti sono riusciti a dare la colpa al simbolo, all’arcobaleno, ai salotti, alla erre moscia, a Trefoloni, ma nessuno che abbia pensato di avere un minimo di responsabilità per la mancanza assoluta di idee, per la incapacità di capire il mondo e di sperimentare nuove soluzioni, per la saccenza con la quale si sono date per scontate teorie ereditate da gente che, a differenza loro, quelle teorie le aveva inventate. Continua a leggere su http://www.terzadicopertina.com […]

    Scritto da La disfatta, le colpe, l’analisi del lutto… con il mal di denti : Sinistra Democratica - circolo di Penne | Aprile 22, 2008, 19:34
  12. Se posso dir la mia, cercare di sintetizzare la ribellione tout court dei centri sociali, le necessità della classe lavoratrice ed una parvenza di moderazione politica è stato un cocktail micidiale.
    Li ha portati a non riuscire più a prendere una decisione o scegliere una linea di pensiero dal momento che ogni soluzione faceva a cazzotti inevitabilmente con una o più altre necessità.
    Nel dubbio di quale strategia politica intraprendere e di quale sentimento voler rappresentare, sono rimasti nel mezzo senza prendere nessuna decisione convincente.
    Mi auguro che trovino una vera identità e che, soprattutto, siano disponibili nel futuro a discutere e cercare, con il necessario pragmatismo, punti di incontro con le altre forze politiche. Che una cosa è lanciare slogan, altra è migliorare, anche di pochino pochino, il paese.

    Scritto da Novecento | Maggio 3, 2008, 14:54
  13. Ah… davvero chi vuol cambiare il mondo deve cambiarlo “fuori” di sé, mica dentro? Interessante visione di chi, mal di denti o no, della vita ha capito una minchia di niente. Credi di poterlo cambiare tu il mondo, con le tue frasi a effetto? O col rinnovare la tessera “punti bianchino” al bar dei poeti? È consequenziale che dei borghesucci compongano i comunisti, in fondo è da quelli che il comunismo ha mosso i primi passi che, per logica, mai sono diventate falcate. A me son sempre stati sulle palle, dal sessantasei che ero anarchico ad oggi che sono un maestro dello spirito (inteso sul ridere). Ben gli sta che ora fanno quello per cui sono votati… pardòn… poco votati. Sul resto del tuo sparlare spero ti renderai conto che alla verità le parole a effetto non piacciono, come non piacciono le intelligenze stupide e fanfarone che, alla fin fine, pensano solo a loro stesse. Senza simpatia ti saluto.

    Scritto da vajmax | Settembre 5, 2009, 15:49

Scrivi un commento

Ultimi commenti

  • st patricks day shirts calgary: pregancy is quite critical and also requires more of your time so...
  • menta: Ciao popolo del formaggio no. Io rispetto chi lo mangia ma anche chi non lo ritiene cibo...
  • Giulio: Ciao a tutti. Volevo chiedere una cosa un pò particolare, a me i formaggi stagionati non...

Poesie da decubito su Facebook