// archivio per autore

azael

azael ha scritto 315 articoli per Terzadicopertina

Questi nuovi terroristi

Questi nuovi terroristi. Irriducibili da dopolavoro che si divertono a fare sopralluoghi e supposizioni, che sbagliano obiettivi e persone come se sbagliassero a cercare col ditino sulle pagine gialle il numero della coop. Rivoluzionari fuori tempo massimo che la sera vanno a dormire sul loro cuscino morbidoso e sognano la lotta armata, quella vera, quella […]

Domani ricomincia il calcio

Domani ricomincia il calcio.
Che solo a dirla questa cosa ti fa venire il dubbio che si stia parlando, in realtà, di palinsesti televisivi, tanto ti suona fasulla.
Domani ricomincia il calcio perchè il morto già puzza di meno, sepolto com’è sotto due strati di senso comune, di ragazzi smarriti e di tifosi che solo a pensare […]

Senza che Repubblica abbia speso una riga

Una moglie che, dopo aver finito di panare le polpette, fa la predica al marito che rientra a casa dopo aver passato tutto il giorno al bar.
Che il bar sia un pretesto lo sa la moglie, lo sa il marito, lo intusicono anche le polpette. Ma la moglie insiste e tira fuori la storia del […]

Quest’incedere

Quest’incedere verso il partito democratico nasconde una deprimente verità politica: la sinistra italiana non sa più cos’è.
Dopo anni di ripensamenti, di sottili rancori e di nasi turati si è ritrovata al potere come un ragazzetto che il giorno prima ha studiato tantissimo, ha fatto tutti i compiti, si è confrontato con tutti i suoi compagni, […]

Amò

Poi c’è questa cosa che i ragazzi hanno preso a chiamarsi tutti “amò” e “tesò”. Una volta l’amore si esprimeva con “amatissima”, “vita mia” e “madamigella del mio cuor”. Oggi è tutto un “amò dove sei?” “sono in bagno tesò”, e “amò sono dall’estetista” “ci sentiamo dopo tesò”. Io non so da cosa dipenda […]

Secondo l’ordine del tempo

Anassimandro, uno dei primi e dei più importanti filosofi greci, scrisse, in uno dei pochi frammenti che ci sono arrivati dopo 2500 anni, che tutte le cose
“pagano l’una all’altra la pena e l’espiazione dell’ingiustizia, secondo l’ordine del tempo“.
Il susseguirsi delle generazioni, il sopravvivere degli uomini ad altri uomini non è cosa pacifica, e questa ingiustizia, […]

Stragi ornamentali

La cronaca non m’interessa. Non mi attirano i cadaveri nè le sagome disegnate sul cemento. I brunovespa pronti a sbirciare oltre le fessure dell’ammazzatoio mi disgustano.
Eppure c’è una cosa a cui non riesco ad abituarmi. Una cosa su cui mi cade l’occhio ad ogni strage, ad ogni orrore da apertura dei tg: le piante.
Ciò che […]

Gli illuminati

L’ultimo grido tra gli imprenditori è apparire dentro le pubblicità dei loro prodotti. Insieme ai loro prodotti. Più dei loro prodotti.Il signor Massimo Zanetti lo trovi dentro al caffè Segafredo in un trionfo di latifondismo e buocoliche assonanze coglionatrici, il buon Giovanni Rana dentro ai tortellini a far da massaia con autoctoni via via diversi, […]

Saddam va alla morte

Sanpietro: “Nome, cognome e qualifica… su veloci, che ce ne andiamo tutti a mangiare lo zampone…”
Saddamhussein: “Saddam, Hussein, …capo di stato”
Sanpietro: “qualcosa da dichiarare?”
Saddamhussein: ” mah… m’hanno ucciso stamattina… so’ irakeno… boh…basta”
Sanpietro: “dai su, qua leggo che hai ammazzato un casino di gente…curdi per lo più… che dici?”
Saddamhussein: “Sì vabbè, un migliaio, ma si usava […]

La buona novella

Sotto l’albero, nel presepe o nel pianerottolo di qualche appartamento condominiale termoautonomo. Cristi, asinelli e buoi appiccicati sul muschio come ragali natalizi. Come le palle che pendono all’albero e in egual misura a giuseppe, precursore del pregiudizio di genere. Non che potessero pendere a Maria, la cui grotta, dice, rimase senza asinelli e senza buoi. […]

Ultimi commenti

  • 3maggio: Noto con incredulitá la compostezza e l’educazione che contraddistingue voi,miei...
  • st patricks day shirts calgary: pregancy is quite critical and also requires more of your time so...
  • menta: Ciao popolo del formaggio no. Io rispetto chi lo mangia ma anche chi non lo ritiene cibo...

Poesie da decubito su Facebook