// archivi

Mano sinistra

Questa categoria contiene 91 articoli

Il coraggio del gambero

Nel doppio passo indietro di Mastella e di Ratzinger vedo un’unica, inedita, strategia po-li-ti-ca di egemonia: il vittimismo di sfondamento.
Entrambi pontefici di chiese edificate sulla pietra dura della corruzione, i due maramaldi cattocamorristi hanno scelto un’analoga piroetta sulla via di Damasco per rispondere agli attacchi subiti da giudici comunisti e da laicisti mangiaembrioni.
Il sovrano del […]

Digestioni

Ma quanto bisogno di semplificazione nella scena politica attuale! Prima il Partito Demcocratico, poi la Sinistra, poi la Destra, infine il Partito del popolo italiano della libertà. Per tutti sono state grandi elaborazioni, complesse concettualizzazioni, tortuosi percorsi di riflessione. Tutti hanno dovuto fare i conti col proprio passato e digerire storie scomode e ingombranti […]

Esser sicuri

Sarà una conseguenza di anni di marketing ovunque, del predominio della comunicazione ad ogni costo, sarà forse solo una conseguenza del caldo di questi tempi sudaticci e sciroccati, ma non pare si possa far a meno di uno slogan pret-à-porter in una qualsiasi convention dal buffet di livello e dalle sedie laccate.
La sicurezza non […]

Quote

E così il Partito democratico muove il suo primo passo con l’individuazione del comitato per la costituente. Follini e Del Turco entrano in "quota Prodi", Pollastrini e Finocchiaro in "quota rosa", Gad Lerner in "quota vip". Restano fuori Adinolfi , Sofri e Scalfarotto che rivendicano, a ragione, la loro "quota giovani". Per dovere di rappresentatività, […]

A lui gli piange il cuore

Conflitto di interessi, Mastella si astiene.
Passi il conflitto, ma quando ci sono gli interessi di mezzo a lui gli piange il cuore.

Chiesti nuovi elicotteri. E la mamma.

Afghanistan, l’Unione condivide la possibilità di rafforzare l’armamento del contingente italiano. Dice che i talebani non sanno proprio giocare a fare la pace.

Emigranti serpenti

Milano, in migliaia al corteo per la sicurezza. In strada anche Berlusconi: “La percezione della sicurezza non c’è, c’è una percezione di insicurezza, ci sono interi quartieri occupati da emigranti e non c’è una presenza di forze dell’ordine rassicurante”. “Si prenda l’Afghanistan - ha aggiunto l’ex premier - l’Afghanistan è quasi completamente occupato da emigranti”.

Politica senza coscienza

Si parla spesso di diversità, e se ne parla quasi sempre come di una ricchezza, come di un valore da tutelare, come di un capitale da non disperdere. Se ne parla spesso in opposizione ad una presunta normalità. Il diverso viene tirato in ballo quando si tratta di difendere la specificità di qualche gruppo etnico…  […]

Brava gente

In questo periodo ho girato parecchio per i piccoli Comuni umbri. Ho incontrato molti sindaci e bevuto uno sproposito di caffè. Ho toccato con mano la provincia più indiana di cui disponiamo, quella più autentica e verace. Mi sono fermato in tanti bar, quelli che stanno proprio sotto agli uffici comunali, i bar del paese. […]

Pioggia acida

“Nelle nostre sezioni oggi si discute di piu’ delle liste che della situazione in Medio Oriente“.

Tra le parole di Mussi alla presentazione della mozione queste sono senza ombra di dubbio le più pesanti, quelle con più sale in coda e con maggiore amarezza in capo. E sono parole che stridono a contatto con quelle pronunciate […]

Ultimi commenti

  • st patricks day shirts calgary: pregancy is quite critical and also requires more of your time so...
  • menta: Ciao popolo del formaggio no. Io rispetto chi lo mangia ma anche chi non lo ritiene cibo...
  • Giulio: Ciao a tutti. Volevo chiedere una cosa un pò particolare, a me i formaggi stagionati non...

Poesie da decubito su Facebook