// archivi

Prima di dover buttare via la croce

Sono tempi senza dio.
Quelli di una chiesa tutta preoccupata a salvare il quorum dei credenti dalla deriva laicista e, orrore orrore, islamica. Quella di pastori d’anime ridotti a legare le pecore tra loro con cordoni nodosi e consunti e tutte insieme ad un palo, mentre i cani inseguono lucertole ed essi stessi si aggirano nervosi […]

Dio e i marziani

Io da bambino credevo che mia nonna fosse un essere preistorico. Ma non per dire. proprio preistorico. E quindi me la immaginavo con la clava, i dinosauri e tutto quanto. Pensavo che quello fosse stato il suo passato e che poi fosse arrivata al presente. Allo stesso modo, pensavo che Gesù fosse in realtà un extraterrestre, venuto dal paradiso per salvare il mondo dai romani. Forse facevo un po’ confusione con gli esseri mitologici come gesù, i dinosauri e mia nonna.

Ora però quel mio modo fanciullesco di vedere le cose è stato riabilitato. Pare, infatti, che l’esistenza di dio e quella degli extraterrestri non siano più in contraddizione tra loro, poiché, “Come esiste una molteplicità di creature sulla terra, - afferma padre Funes (direttore della Specola Vaticana, ndr )- così potrebbero esserci altri esseri, anche intelligenti, creati da Dio”…

Ma Cristo, siamo noi!

Ieri sera ero sulla A14 che tornavo a casa per Pasqua. Dopo aver esaurito i cd da ascoltare ho messo la radio. Così fino all’altezza di Civitanova ho seguito con attenzione la partita dell’Albinoleffe per poi concedermi alla cronaca della Via Crucis. E sì, perché quando metto la radio mi scoccia cambiare stazione. E su Radio1, dopo l’Albinoleffe a volte danno la Via Crucis. A raccontarla c’erano due cronisti della redazione di informazione religiosa della Rai, redazione nota alle cronache più per le madonne intercettate che per quelle abilmente narrate. Ma comunque. I due hanno cominiciato a descrivere l’evento come fossero i supplementari della partita dell’Albinoleffe, solo con un pizzico di enfasi in più.
E a Roma piove, campo pesante […]

Ci vediamo lì

Le ultime parole che uno dei rapitori ha detto a Daniele Mastrogiacomo prima di lasciarlo andare sono state: “ci vedremo in paradiso”. Ci vedremo in Paradiso. Come se si trattasse di una evenienza imminente e assolutamente certa. Come se avesse detto “ci vediamo al bar, alle cinque”. I talebani nel nostro occidente rappresentano, semplicemente, il […]

Il mio dio ce l’ha grosso

«La Chiesa non è un partito ma può far politica» - lo ha detto il papa, quindi dovrebbe essere inevitabilmente una cazzata, e invece no, è vero.
La religione è eminentemente politica, anzi, la religione è nata in funzione politica. Gli uomini hanno, in tutte le epoche, costruito popoli intorno agli dei. L’origine politeista del monoteismo […]

Dio e gli embrioni

Siamo schiavi dei Patti Lateranensi. Siamo schiavi della religione. Eppure non frega nulla a nessuno della religione. Come a nessuno frega un tubo di dio. Di come voterebbe lui. Lui che, a detta della stampa dell’epoca (leggi “vangelo”), aveva avuto un figlio in maniera tutt’altro che “naturale”… un figlio che non aveva avuto, da embrione, […]

Ultimi commenti

  • st patricks day shirts calgary: pregancy is quite critical and also requires more of your time so...
  • menta: Ciao popolo del formaggio no. Io rispetto chi lo mangia ma anche chi non lo ritiene cibo...
  • Giulio: Ciao a tutti. Volevo chiedere una cosa un pò particolare, a me i formaggi stagionati non...

Poesie da decubito su Facebook