Visita senologica: come prepararsi e quando farla

La visita senologica è un tipo di esame del seno che viene effettuato dallo specialista senza l’ausilio di alcun tipo di strumento medico, semplicemente osservando e palpando le mammelle, la zona delle ascelle, la zona dei solchi sottomammari e quella sotto la clavicola.  

Lo scopo di una visita senologica è quello di andare a verificare o meno l’insorgere di problematiche che possano interessare le mammelle. Nel caso in cui dalla visita dovessero emergere degli elementi dubbi, lo specialista può decidere di far effettuare alla paziente degli esami di approfondimento, stavolta di tipo strumentale, per poter sciogliere ogni dubbio ed evidenziare in maniera inconfutabile ogni problematica.

Sebbene sia necessario effettuare questo tipo di visita periodicamente, e comunque almeno una volta l’anno superati i 30 anni di età, è altresì importante effettuare autonomamente l’autopalpazione.

Tramite l’autopalpazione è infatti possibile andare ad individuare eventuali noduli e dunque poter far presente questo problema al medico di fiducia in maniera tempestiva, così da poter prendere le adeguate contromisure.

Come prepararsi ad una visita senologica?

La paziente che raggiunge lo specialista per effettuare una visita senologica fa bene a portare anche l’esito di eventuali esami che sono stati effettuati in precedenza, relativamente chiaramente a problemi senologici.

Per quel che riguarda il momento migliore, è consigliabile svolgere una visita senologica nel periodo che va tra il settimo ed il quattordicesimo giorno successivi al ciclo mestruale. È consigliabile infatti effettuarla successivamente all’arrivo delle mestruazioni in quanto durante queste il tessuto mammario può subire delle fluttuazioni ormonali che sono caratteristiche di questo periodo.

Il rischio è infatti quello che non si vadano a riscontrare eventuali noduli in realtà presenti o che possano addirittura verificarsi dei falsi positivi.

Ci sono eventuali limitazioni o controindicazioni?

La visita senologica non ha particolari controindicazioni dato che non è dolorosa ne invasiva, ma semplicemente una indagine che viene effettuata senza alcun tipo di strumento. Per questo motivo non esistono particolari controindicazioni o precauzioni da seguire.

Tutti possono dunque effettuarla anche a partire dalla giovane età, semplicemente a livello di prevenzione.

Esami di approfondimento

Nel caso in cui il senologo dovesse avere dei dubbi o comunque individuare qualcosa di sospetto, può richiedere di effettuare principalmente due tipi di esami strumentali: l’ecografia mammaria e la mammografia.

  • L’ecografia mammaria altro non è che un particolare tipo di esame, ad ultrasuoni, che va ad analizzare le strutture del seno riuscendo a distinguere i noduli solidi da quelli liquidi. Se lo specialista dovesse avere dei dubbi nel corso della visita senologica, una ecografia mammaria è in grado di confermare o escludere i suoi dubbi e dunque fornire una diagnosi ancora più precisa.
  • La mammografia è invece una radiografia dei seni, che è perfetta per andare a scovare anche quei noduli che sono particolarmente piccoli, così come delle piccole calcificazioni. In questo caso dunque sono i raggi-x ad attraversare i tessuti delle mammelle realizzando una dettagliata immagine radiografica. Questo strumento è in grado di andare a sscovare quasi il 90% dei tumori addirittura prima che questi siano effettivamente palpabili.

Nel caso in cui anche il risultato diagnostico strumentale non offra delle risposte che siano esaurienti al 100%, è possibile andare a prelevare un campione di tessuto tramite un particolare ago (detto comunemente “agoaspirato”) così da farlo esaminare e andare a stabilire con assoluta certezza la natura di quel tessuto.

Ancora una volta evidenziamo dunque l’importanza e la necessità di fare prevenzione e dunque di sottoporsi ad una visita senologica almeno una volta l’anno, così da poter scoprire in anticipo il formarsi di eventuali noduli o altre problematiche.